Centri sociali, Garassino: «Chi non paga, chiude»

L'assessore comunale alla Sicurezza ha risposto a un'interrogazione diretta del consigliere leghista Davide Rossi sullo sgombero dello spazio "Terra di nessuno"

«I centri sociali saranno trattati come una qualsiasi altra associazione: chi non paga chiude e chi non si attiene alle regole chiude. La
partita dei mancati pagamenti è nelle mani dell’assessorato del collega Pietro Piciocchi».

Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino rispondendo a un’interrogazione a risposta immediata del consigliere leghista Davide Rossi sullo sgombero del centro sociale "Terra di Nessuno".

«Per questo centro sociale - ha specificato Stefano Garassino - abbiamo allo studio, con l’assessore Campora, un progetto che riguarda l’educazione ambientale».

Potrebbe interessarti

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

I più letti della settimana

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Schianto in moto in Francia, muore centauro genovese

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

Torna su
GenovaToday è in caricamento