Centri sociali, Garassino: «Chi non paga, chiude»

L'assessore comunale alla Sicurezza ha risposto a un'interrogazione diretta del consigliere leghista Davide Rossi sullo sgombero dello spazio "Terra di nessuno"

«I centri sociali saranno trattati come una qualsiasi altra associazione: chi non paga chiude e chi non si attiene alle regole chiude. La
partita dei mancati pagamenti è nelle mani dell’assessorato del collega Pietro Piciocchi».

Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino rispondendo a un’interrogazione a risposta immediata del consigliere leghista Davide Rossi sullo sgombero del centro sociale "Terra di Nessuno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per questo centro sociale - ha specificato Stefano Garassino - abbiamo allo studio, con l’assessore Campora, un progetto che riguarda l’educazione ambientale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

  • Lutto all'Acquario di Genova, morto il delfino Teide

Torna su
GenovaToday è in caricamento