Chiodi davanti a casa e nel parcheggio del sindaco di Cicagna, indagano i carabinieri

La denuncia arriva dallo stesso Marco Limoncini: «Non mi faccio intimidire né scoraggiare»

La foto diffusa dal sindaco Limoncini

Chiodi saldati tra loro disseminati davanti alla porta di casa e nel parcheggio comunale: succede a Cicagna, vittima dell’evidente gesto intimidatorio il sindaco Marco Limoncini, eletto nel giugno del 2017 con la lista civica La cicogna.

Il ritrovamento risale al pomeriggio di giovedì, a darne notizia lo stesso Limoncini: «A te che hai pensato di intimidirmi" o scoraggiarmi con questo gesto ignobile - ha scritto il primo cittadino di Cicagna  sappi che ho sporto denuncia "contro ignoti ai carabinieri e conto riescano risalire a chi sei, perché meriti una bella punizione! Mia moglie li ha scoperti in tempo, fosse accaduto qualcosa alla mia famiglia non avrei esitato a cercarti personalmente».

I chiodi, oltre una decina, sono stati saldati artigianalmente per formare una sorta di “stella appuntita”, poi verniciati di nero per mimetizzarli e infine sparsi sull’asfalto: un grosso rischio sopratutto per i bambini (Limoncini ha due figli), come hanno fatto notare le moltissime persone che hanno manifestato solidarietà al sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento