Muore in casa, il convivente lo scopre dopo 3 giorni

Ennesimo dramma della solitudine in un alloggio del Cep in cui vivevano, in condizioni di degrado e abbandono, un anziano e un amico 60enne. A scoprire il cadavere è stato proprio quest'ultimo

Ha vissuto per tre giorni con il cadavere dell’anziano convivente in casa, senza rendersi conto di nulla sino a quando non ha aperto la porta della sua stanza facendo la macabra scoperta.

L’ennesimo dramma della solitudine si è consumato in un alloggio di edilizia popolare di via Novella, nel ponente genovese, che l’anziano deceduto divideva con un 60enne conducendo però vite separate. Al loro arrivo nell’appartamento, i militi del 118 e i poliziotti della questura hanno subito notato le pessime condizioni igieniche in cui i due vivevano e lo stato confusionale del 60enne. 

Stando a un primo, sommario esame del corpo, il medico legale ha escluso la morte violenta, e il caso è stato segnalato all’Asl. Nei prossimi giorni verranno mobilitati i servizi sociali, cui spetterà il compito di prendere in carico il 60enne.

Potrebbe interessarti

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

  • Il fantasma "maleducato" delle Mura dello Zerbino

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Litigio tra ubriachi sulla spiaggia di Voltri, paura tra i bagnanti

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Tentata rapina a Bolzaneto, giovane turista accoltellata davanti al figlio

Torna su
GenovaToday è in caricamento