Centro storico, scoperto laboratorio del falso. Distrutta oltre una tonnellata di capi

La Guardia di Finanza ha scoperto la sartoria illegale in un appartamento nel cuore dei vicoli. Denunciati i due responsabili, mentre sono stati inceneriti i proventi delle operazioni precedenti

Oltre mille capi di abbigliamento contraffatto tra abiti e accessori, pronti per essere immessi sul mercato: questo quanto rinvenuto dalla Guardia di Finanza, che nell’ambito dei controlli sul territorio mirati proprio a contrastare la contraffazione hanno denunciato due persone.

Il laboratorio clandestino era stato ricavato in un appartamento del centro storico, dove le Fiamme Gialle hanno trovato anche macchine da cucire, telai, etichette e tutto il necessario per il confezionare i capi, sequestrati insieme con l’attrezzatura. 

I due responsabili sono stati denunciati alla Procura per contraffazione e ricettazione, mentre i finanzieri, in esecuzione de provvedimenti emessi dall’autorità giudiziaria e dalla camera di commercio, hanno distrutto circa una tonnellata di merce contraffatta sequestrata durante operazioni precedenti bruciandola nell’inceneritore di Montale, in provincia di Pistoia.

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

I più letti della settimana

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Pomeriggio a base di ketamina per due ventenni

  • Bastonate al cane, smettono per le urla dei residenti

Torna su
GenovaToday è in caricamento