Emergenza idrica a Casarza, 6mila persone senz'acqua

Dal 31 agosto gli abitanti della cittadina sono costretti a servirsi delle autobotti anche per cucinare e lavarsi i denti. Dal sindaco le rassicurazioni: «Lavoriamo per una soluzione alternativa al pozzo inquinato»

E’ ancora emergenza idrica a Casarza e in zona Makallè, nel comune di Sestri Levante, dove da più di 48 ore gli abitanti sono costretti a fare a meno dell’acqua potabile a causa della presenza di sostanze inquinanti nel pozzo Case Nuove, la falda acquifera che alimenta l’acquedotto.

Il provvedimento che vieta l'utlizzo dell'acqua che esce dai rubinetti della cittadina è stato adottato due giorni fa dal Comune, che ha spiegato che la presenza di idrocarburi nell’acqua è dovuta a un incidente avvenuto sulla A12 lo scorso 12 luglio che ha coinvolto un autocisterna. A oggi sono 6mila le persone rimaste "a secco", costrette ad affidarsi alle autobotti per cucinare e lavarsi i denti, e ai punti di approvvigionamento organizzati nel centro di Casarza, a Francolano e a Bargonasco. 

I tecnici della società che gestisce l’acquedotto sono al lavoro per bonificare e ripristinare la falda, ma la preoccupazione adesso riguarda le piogge previste per i prossimi giorni che potrebbero aggravare ulteriormente la situazione, mentre tra i residenti cresce la rabbia per una situazione che si prolunga ormai da troppo tempo. Intanto il sindaco di Casarza, Giovanni Stagnaro, ha fatto sapere di essersi riunito proprio oggi con i rappresentati dei comuni di Castiglione Chiavarese, Moneglia e Sestri Levante e di Iren, Idrotigullio e Asl di Chiavari, oltre che con la Regione per «esaminare la situazione e individuare le soluzioni più rapide e sicure per eliminare le criticità, oltre che assicurare la distribuzione dell’acqua potabile in situazione di sicurezza».

Al termine dell’incontro, fa sapere il sindaco, è stato deciso di creare un gruppo di lavoro immediatamente operativo per la progettazione di «un intervento alternativo all’utilizzo del pozzo. Nel frattempo continuerà il monitoraggio quotidiano – iniziato il 13 luglio 2015 – da parte del gestore Sap Srl e dell’Asl 4 di Chiavari». Sulla pagina Facebook del Comune di Casarza, intanto, vengono postati quotidianamente aggiornamenti sulla posizione delle autobotti presso cui approvvigionarsi di acqua potabile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

Torna su
GenovaToday è in caricamento