Piazze per comizi a CasaPound e FdI e non al Pd: consiglieri protestano imbavagliati

I consiglieri del Partito Democratico e di Lista Crivello protestano imbavagliati contro la decisione della giunta, che giovedì 23 maggio consentirà al movimento di estrema destra di tenere un incontro pubblico

Polemica nel pomeriggio di martedì a Tursi, in occasione del consiglio comunale, per la decisione di concedere della giunta di concedere spazi per la chiusura della campagna elettorale per le europee a Fratelli d’Italia e a CasaPound, negandoli invece al Partito Democratico.

Proprio il Partito Democratico, in sala rossa, ha dato vita a una protesta che ha visto i consiglieri “incerottarsi” la bocca protestando contro “una giunta che imbavaglia”. Il riferimento, come detto, è alla decisione della giunta Bucci di concedere al Pd piazza Caricamento per una prima edizione della “Festa dell’Europa”, sfruttando il tendone allestito per Slow Fish. La richiesta, ha spiegato il consigliere Alessandro Terrile, era stata presentata ad aprile, e a metà maggio era stata rifiutata perché la piazza era in contrasto con la delibera di giunta 116 del 24 aprile, che individua le piazza in cui è possibili tenere comizi o riunioni di propaganda elettorale. 

La decisione della giunta di concedere largo XII Ottobre (la proposta iniziale era piazza Piccapietra, ma lo stand è stato poi allestito sulla scalinata che unisce Piccapietra e largo XII Ottobre) a Giorgia Meloni per il comizio di Fratelli d’italia, lo scorso venerdì, aveva già scatenato le proteste del Pd, aumentate quando è arrivata notizia della concessione di piazza Marsala, a due passi da piazza Corvetto, alla sezione genovese di CasaPound per un comizio fissato per giovedì 23 maggio

«Ci sentiamo imbavagliati da questa giunta», hanno detto i consiglieri del Pd Alessandro Terrile e Alberto Pandolfo in sala rossa, proteste cui hanno fatto eco quelle della Lista Crivello, che ha invece puntato il dito sulla concessione di piazza Marsala a CasaPound. Ma il sindaco Marco Bucci ha chiarito - proprio come accaduto in passato - che non è di sua competenza negare gli spazi, se regolarmente previsti dal regolamento comunale: sarà la Prefettura domani a valutare la possibilità di revocarlo, anche alla luce della già annunciata contro-manifestazione da parte di Anpi e Genova Antifascista.

Potrebbe interessarti

  • Cenare sul mare: 5 ristoranti da provare a Genova e dintorni

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La "graziosa" con gli occhi grandi color di foglia di De André è esistita davvero

I più letti della settimana

  • Schianto mortale a Staglieno, operata la 45enne sopravvissuta

  • Incendio all'ultimo piano di un palazzo, abitanti in fuga dalle scale

  • Paura in porto, una donna si getta dalla nave

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • Blitz al circolo privato, diecimila euro di multa al presidente

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

Torna su
GenovaToday è in caricamento