Carro funebre senza assicurazione, sequestrato con la salma

Il carro funebre è stato fermato in corso Buenos Aires davanti alla chiesa di Santa Zita dopo che il sistema 'Grifone' della polizia municipale ha rilevato la mancanza di assicurazione

Il sistema di controllo Grifone, in dotazione alla polizia municipale, non fa distinzione fra un'auto e l'altra: il suo compito è quello di verificare la copertura assicurativa, senza badare all'utilizzo che viene fatto del mezzo. E così un carro funebre, che aveva appena caricato la salma dopo un funerale, è finito sotto sequestro.

Il veicolo è stato fermato in corso Buenos Aires davanti alla chiesa di Santa Zita dove si erano appena svolte le esequie di un anziano defunto. Prima di poter proseguire la sua corsa verso la Basilicata, dove è prevista la sepoltura, il carro funebre è rimasto sotto sequestro per diverse ore, ovvero fino alla mezzanotte del giorno dopo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dipendenti dell'agenzia di onoranze funebri hanno potuto rimettersi alla guida solo dopo aver pagato assicurazione e multa. Episodi del genere non sono frequenti a Genova, ma nel resto d'Italia è già capitato. L'ultima volta alla fine dello scorso novembre a Mogliano in provincia di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento