Corsi di italiano e laboratorio di restauro nei locali sequestrati alla mafia

Uno è in vico delle Vigne 10rosso e l'altro in via Canneto il Curto 25rosso, il primo assegnato all'associazione Pas à Pas, che si occupa di integrazione e corsi di lingue per migranti, e l'altro alla parrocchia di Santa Maria delle Vigne

Sono passati nove anni dal più ingente sequestro di beni ai danni della criminalità organizzata nel nord Italia. Finalmente il Comune di Genova ha assegnato i primi due immobili, situati nel centro storico, patrimonio della famiglia Canfarotta.

Uno è in vico delle Vigne 10rosso e l'altro in via Canneto il Curto 25rosso, il primo assegnato all'associazione Pas à Pas, che si occupa di integrazione e corsi di lingue per migranti, e l'altro alla parrocchia di Santa Maria delle Vigne, retta da don Niccolò Anselmi, la quale realizzerà un laboratorio di restauro per il quartiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'associazione Pas à Pas spera di avere le chiavi del fondo alla fine dell'estate. Gli spazi sono stati assegnati per un periodo di quattro anni. Al bando hanno partecipato in otto, fra cui le due associazioni vincitrici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aster assume, indetti tre nuovi bandi: come partecipare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • Auto contromano in corso Europa, al volante non c'è nessuno

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Si tuffa a Punta Chiappa e batte la testa sugli scogli

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento