Paziente operata, in corsia anche il cane a farle visita

Athos, volontario della protezione civile insieme alla sua padrona, è stato ammesso all'ospedale San Martino per una visita in corsia. I due non si vedevano dal 16 giugno, giorno del ricovero di Sonia, operata qualche giorno fa

Genova - Se è vero che il cane è il migliore amico dell'uomo non c'è da stupirsi che il desiderio più grande di una persona ricoverta in ospedale sia quello di vedere il proprio animale dopo l'operazione. Ma solitamente l'accesso ai cani in ospedale è vietato.

A San Martino hanno deciso di fare un'eccezione per permettere ad Athos di fare una visita alla sua padrona, ricoverata dal 16 giugno 2012. Il cane è un meticcio di nove anni incrociato con un rottweiler, volontario della protezione civile insieme alla sua padrona, in quanto addestrato al recupero di persone scomparse.

Una volta controllati i documenti e il libretto di vaccinazioni, Athos ha potuto fare la sua comparsa in corsia fino alla camera della sua padrona. L'incontro ha dato vita a una scena commovente con Athos che quasi la faceva cadere dalle tante feste.

Incontenibile la gioia della donna. «Il mio più grande desiderio era quello di vedere il mio cane e sono stata accontentata. Ringrazio tutti - ha detto la donna - perché spesso si sente parlare di malasanità, ma qui ho trovato un ambiente carico di civiltà ed umanità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Elicottero su via Balbi e Principe, Alberto Angela al lavoro per le sue "Meraviglie"

  • Pioggia e neve, prolungata l’allerta su tutta la regione

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

Torna su
GenovaToday è in caricamento