Evade da comunità nel torinese, arrestato nei vicoli

Dopo la fase dell'identificazione, il 33enne è stato trasferito nel carcere di Marassi

Un 33enne marocchino, gravato di pregiudizi di polizia, sottoposto alla misura dell'affidamento in prova presso una comunità di Candia Canavese (To) a seguito di gravi reati, tra cui lesioni personali, rissa e altro, si è allontanato arbitrariamente senza autorizzazione.

I carabinieri della stazione di Caluso hanno segnalato la vicenda all'autorità giudiziaria di Vercelli, che ha emesso nei confronti del 33enne un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Ieri pomeriggio, nel centro storico, la pattuglia della stazione carabinieri Maddalena insieme ai colleghi della stazione di Caluso e al personale del Cio di Firenze hanno localizzato e arrestato lo straniero in via San Luca.

Dopo la fase dell'identificazione, il 33enne è stato trasferito nel carcere di Marassi.

Potrebbe interessarti

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Strade, autostrade, treni e metro: modifiche e chiusure per l'esplosione del Morandi

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Motociclista si schianta in autostrada, ricoverato in codice rosso

  • In arrivo ondata di caldo torrido: timori per il 28 giugno

Torna su
GenovaToday è in caricamento