Camogli: pescato squalo volpe sbranato, è "giallo" sulla causa

L'esemplare, molto raro nel Mediterraneo, è stato ritrovato in un palamito con il corpo diviso a metà da un morso: il sospetto è che possa essere opera di uno squalo bianco

Un esemplare di Alopias Superciliosus, meglio noto come “squalo volpe occhione”, specie molto rara nel Mediterraneo, è stato pescato al largo di Camogli pochi giorni fa. A scioccare i pescatori che se lo sono ritrovati in un palamito da pesce spada non è stata però tanto la specie, quanto il fatto che il corpo fosse tranciato a metà, probabilmente a causa di un morso.

La foto del ritrovamento è stata condivisa su Facebook dal dipartimento di Scienze Ambientali dell’università di Genova, che ha spiegato che in origine l’esemplare misurava probabilmente oltre 3 metri: “Il corpo di questo pesce era troncato immediatamente dietro alle pinne pettorali. Sulla parte attaccata al palamito erano presenti i segni di denti triangolari con una base di circa 3 centimetri”.

Il sospetto adesso è che ad avere provocato la ferita mortale possa essere stato un esemplare di squalo decisamente più grande, addirittura uno squalo bianco: “E’ possibile”, scrivono cauti gli amministratori della pagina del Ccs della facoltà di Scienze Ambientali e Naturali di Genova, rispondendo ai tanti che chiedono informazioni sul potenziale possessore delle mascelle in grado di tranciare a metà un pesce lungo 3 metri, aggiungendo però che “sembra molto probabile si tratti di un grande esemplare di una delle specie di Lamnidae del Mediterraneo”, famiglia che oltre a comprendere (in effetti) lo squalo bianco, comprende anche lo smeriglio e lo stesso squalo volpe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ovviamente non è detto che la parte mancante sia stata staccata di netto, e il segno dei denti è probabilmente più largo del dente stesso”, è la conclusione degli esperti del dipartimento. Il dubbio (e il timore di matrice spielberghiana) però rimane: della presenza di presunti squali bianchi nella zona se n’è già parlato molto, ma non sono mai stati avvistati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Incidente a Nervi, identificata la vittima; guidatore positivo ai test tossicologici

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento