Uccide la moglie e poi si spara

Tragedia in un appartamento di via Rosselli a Camogli. Le vittime sono Stefano Martini e la moglie Maria Schiaffino

Dolore e sconcerto a Camogli dove questa mattina sono morte due persone. Si tratta di Stefano Martini e della moglie Maria Schiaffino. La tragedia è avvenuta in via Rosselli. Martini avrebbe ucciso la moglie per poi togliersi la vita. Sul posto è accorso il figlio di Martini, Roberto, allertato dal padre, che gli ha svelato l'uccisione della madre e la volontà di farla finita.

Martini, 77 anni, ex assessore comunale e notissimo commerciante nel settore ittico, era molto conosciuto a Camogli, dove, insieme alla moglie di 70 anni, conduceva una vita apparentemente senza ombre. Negli ultimi giorni è stato visto sovente in giro per la cittadina e in spiaggia, insieme alla sua compagna. Nulla avrebbe lasciato presagire quanto è accaduto questa mattina intorno alle 9.30.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il magistrato di turno dopo la segnalazione del figlio di Martini. Purtroppo vana la presenza della Croce Verde, all'arrivo dei soccorsi Martini respirava ancora, ma è spirato poco dopo. L'arma del delitto era regolarmente detenuta dal 77enne.

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • «Ti ricordi di me?», poi spara all'ex moglie e la uccide. Caccia all'uomo

Torna su
GenovaToday è in caricamento