Chi è Francesco Caltagirone Bellavista

L'imprenditore romano di 73 anni arrestato a Imperia nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti per la costruzione del porto turistico, è a capo di uno dei più importanti gruppi industriali italiani dei settore edile, il gruppo Acqua Pia Antica Marcia

Francesco Caltagirone Bellavista, l'imprenditore romano di 73 anni arrestato a Imperia nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti per la costruzione del porto turistico, è a capo di uno dei più importanti gruppi industriali italiani dei settore edile, il gruppo Acqua Pia Antica Marcia.

Nato nel 1939 a Roma da famiglia di origini palermitane, Caltagirone Bellavista dalla fine degli Anni '60 decise di mettersi in proprio, e tra il '70 e l'80 ha realizzato costruzioni negli Stati Uniti, in Canada, Venezuela e Brasile. Nel 1979 venne coinvolto nello scandalo Italcasse, oggi Istituto di Credito delle casse di Risparmio Italiane (ICCRI). Lo scandalo era scoppiato nel 1977, in seguito a ispezioni della Banca d'Italia che portarono alla luce irregolarità da parte dell'istituto bancario nella concessione dei fidi e l'erogazione di 'fondi neri' a partiti politici.

In seguito (1988) Francesco Caltagirone Bellavista fu assolto con formula piena da ogni accusa dalla Corte d'Appello di Roma. Nel 1994, dopo essere stato risarcito anche del danno per il fallimento della sua società, Caltagirone Bellavista rilevò la Acqua Pia Antica Marcia, storica società immobiliare romana fondata nel 1868. Oggi l'Acqua Marcia è uno dei più importanti gruppi immobiliari italiani. Vanta quattro subholding, ognuna delle quali è specializzata in uno specifico segmento di mercato: immobiliare, alberghiero, aeroportuale, porti turistici. Tra queste, la società Acquamare, che detiene un terzo della società partecipata Porto di Imperia spa, oggi al centro dell'inchiesta avviata nel 2010. Nell'ambito di questa inchiesta Caltagirone Bellavista è stato arrestato per truffa aggravata ai danni dello Stato.

«Non ho potuto parlare con il mio assistito, né vederlo, non ho visto gli atti né le accuse. Quindi non so nulla, nemmeno perché è stato disposto l'arresto in carcere per un uomo di 73 anni, né perché hanno deciso di non consentire ai legali di vederlo. Saprò tra 5 giorni, quando il gip fisserà l'interrogatorio». Lo ha detto l'avvocato milanese Nerio Diodà, uno dei legali che difendono Francesco Caltagirone Bellavista, arrestato oggi su disposizione del gip di Imperia nell'ambito dell'inchiesta sulla Porto Imperia spa. «L'unica cosa che so è che non ci sono stati ovviamente interrogatori - ha detto Diodà - e che il gip per legge dovrà fissarne uno entro 5 giorni» (Ansa).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Schianto in via Cadighiara, Luca non ce l'ha fatta: donati gli organi

  • Accensione riscaldamento 2019: quando si azionano i termosifoni a Genova

  • I migliori eventi del weekend a Genova e dintorni: Rolli Days, Giornate FAI, Columbus Day, Notte Bianca dei Bambini, sagre e tanto altro

  • Morta dopo caduta sul bus, chiesto processo per autista e automobilista

  • Staglieno, si rompe un tubo dell'acqua: strada chiusa e traffico in tilt

Torna su
GenovaToday è in caricamento