Pesca abusiva sul torrente Brugneto, ottomila euro di multa

Tre persone sono state sorprese dai carabinieri forestali dopo aver pescato 81 trote con metodi e in un luogo vietati

Oggi il personale della stazione carabinieri Forestale di Montebruno ha colto tre persone di nazionalità albanese, intente a praticare pesca abusiva sul torrente Brugneto, nel tratto tra Montebruno e la frazione Costalunga del Comune di Rondanina. Tale corso d'acqua, nel tratto 'Diga del Brugneto-confluenza fiume Trebbia' è interamente sottoposto a divieto di pesca, in quanto individuato dalla Regione Liguria come 'Ruscello Vivaio' per la riproduzione naturale, l'accrescimento e il recupero della fauna ittica.

Le tre persone, oltre che pescare in zona di divieto totale, utilizzavano metodi e attrezzature non consentite; in particolare, con una muta da sub e relativa maschera, si sono immerse nei numerosi laghetti naturali che si formano lungo il tratto di torrente e, utilizzando un fucile subacqueo con fiocina, hanno catturato e ucciso una ingente quantità di pesci, tutti appartenenti alla specie Salmo trutta fario (trota fario), la trota originaria delle acque interne locali, in forte rarefazione su tutto il territorio genovese.

Inoltre, degli 81 esemplari catturati illecitamente, solo tre rientravano nella misura minima stabilita per detto bacino (25 centimetri per il bacino del fiume Trebbia), mentre gli altri 78 pesci risultavano ampiamente sotto misura minima.

Per i tre soggetti di nazionalità albanese, tutti residenti in provincia di Genova, sono scattate quindi numerose e pesanti sanzioni amministrative, per un importo totale comminato di 8.100 euro; inoltre tutta l'attrezzatura e il pescato illecitamente prelevato sono stati sottoposti a sequestro per successiva confisca da parte di Regione Liguria.

Malauguratamente, tutti i pesci illecitamente prelevati risultavano già privi di vita e non è stato quindi possibile l'immediato rilascio. Inoltre, Regione Liguria potrà richiedere fino a 40 euro per ciascun capo abbattuto illecitamente, per il ristoro delle spese relative all'adozione delle necessarie misure di ripopolamento delle acque.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Schianto in via Cadighiara, Luca non ce l'ha fatta: donati gli organi

  • Accensione riscaldamento 2019: quando si azionano i termosifoni a Genova

  • I migliori eventi del weekend a Genova e dintorni: Rolli Days, Giornate FAI, Columbus Day, Notte Bianca dei Bambini, sagre e tanto altro

  • Morta dopo caduta sul bus, chiesto processo per autista e automobilista

  • Staglieno, si rompe un tubo dell'acqua: strada chiusa e traffico in tilt

Torna su
GenovaToday è in caricamento