Smaltisce fanghi di dragaggio con centralina idroelettrica, denunciato

La pratica usata consisteva nello smuovere il fango decantatosi nel bacino di carico dell'invaso e scaricarlo, attraverso un condotto laterale, nel rio Dorbora, affluente dello Sturla, nel comune di Borzonasca

I carabinieri Forestali della stazione di Santo Stefano d'Aveto hanno denunciato il titolare di un impianto idroelettrico nel comune di Borzonasca per aver smaltito in modo illecito diversi metri cubi di rifiuti costituiti da limo e fanghi di dragaggio.

La pratica usata consisteva nello smuovere il fango decantatosi nel bacino di carico dell'invaso e scaricarlo, attraverso un condotto laterale, nel rio Dorbora, affluente dello Sturla. La normativa ambientale non prevede in alcun modo la possibilità di smaltire in questo modo i rifiuti che, benchè siano di origine naturale, devono essere gestiti a norma.

Che differenza c'è tra abbandonare un divano o scaricare qualche metro cubo di limo nel torrente? Nonostante questa domanda possa sembrare un paradosso a livello normativo sono entrambi rifiuti a tutti gli effetti, con la differenza però che un divano abbandonato salta subito alla vista di tutti mentre uno smaltimento illecito di fango non è immediatamente apprezzabile anche se i danni potenzialmente causati potrebbero essere ben maggiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

Torna su
GenovaToday è in caricamento