Bimbo rasato da due bulli, proseguono le indagini in Valbisagno

Il piccolo ha raccontato alla madre di essere stato sorpreso da due ragazzini che con un rasoio elettrico gli avrebbero tagliato i capelli in mezzo alla strada

Caccia ai bulli in bassa Valbisagno dopo la denuncia di un bimbo di 10 anni, tornato a casa in stato di choc e con parte dei capelli rasati da due ragazzini che lo avrebbero sorpreso mentre andava a scuola.

A raccontare l’episodio alla madre è stato il bambino stesso, che poco dopo le 8 di giovedì mattina è rientrato a casa con la testa coperta da un cappuccio: dopo essersi mostrato alla mamma, ha spiegato di essere stato sorpreso alle spalle su una scalinata da due ragazzi di circa 15 anni, che lo avrebbero immobilizzato. Qualche istante dopo il piccolo avrebbe sentito un ronzio meccanico, stando al suo racconto proveniente dal rasoio elettrico utilizzato per rasarlo. Un episodio traumatizzante, al termine del quale il bambino avrebbe perso i sensi. A soccorrerlo un residente della zona che stava portando a spasso il cane, che l’ha notato a terra e accompagnato verso casa.

La madre del bambino si è immediatamente rivolta alla scuola, denunciando l'accaduto, e la vicepreside ha sua volta avvisato la polizia. Gli agenti della Squadra Mobile sono quindi arrivati nell’istituto e hanno ascoltato la madre, che ha spiegato di avere chiamato il figlio intorno alle 8 e di non avere ricevuto risposta, ma di non essersi preoccupata pensandolo già in classe. Quando il piccolo si è presentato a casa con la testa rasata e visibilmente scosso, l’allarme è partito immediatamente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bambino è stato accompagnato in ospedale, visitato e dimesso con una prognosi di 10 giorni. Non avrebbe riportato ferite, e la perdita di conoscenza sarebbe dovuta principalmente allo choc. Le indagini partono proprio dal suo racconto, che è al vaglio degli investigatori per tentare di chiarire cosa sia realmente accaduto: nel percorrere la strada fatta dal bambino, non si sono trovate tracce di capelli o altri indizi che potessero ricollegarsi all'episodio, e nessuna traccia si è trovata neppure dell'uomo che lo avrebbe soccorso. A gettare ulteriori dubbi sulla vicenda, il fatto che il bambino, nei giorni precedenti all'accaduto, avesse espresso il desiderio di rasarsi la testa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aster assume, indetti tre nuovi bandi: come partecipare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • Auto contromano in corso Europa, al volante non c'è nessuno

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Si tuffa a Punta Chiappa e batte la testa sugli scogli

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento