Arrestato rapinatore dei porta pizze a Genova Pegli

Si tratta di un 28enne della zona con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. Mattia Romeo ha ammesso le proprie responsabilità anche per l'analogo gesto compiuto domenica scorsa

Una volante è intervenuta in via Laviosa presso la pizzeria da asporto posta al civico 83r, in quanto il porta pizze, un ventenne genovese, era stato appena rapinato del proprio marsupio contenente 39 euro.

Gli uomini della Squadra Mobile di Genova hanno individuato e arrestato il responsabile della rapina, Mattia Romeo, giovane genovese di 28 anni residente nella zona, con precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio e autore di un analogo episodio occorso nella serata di domenica scorsa.

Mercoledì sera, intorno alle 22 circa, un addetto alla consegna delle pizze, dipendente di un esercizio situato nel quartiere di Pegli, mentre effettuava una consegna, veniva avvicinato da un uomo, con il volto parzialmente coperto, alto circa 1,85, con un giubbotto scuro il quale, parlando in lingua italiana e puntandogli un grosso coltello alla gola, lo trascinava all’interno di un portone, dopodiché gli strappava il marsupio all’interno del quale erano custoditi circa 40 euro e alcuni effetti personali.

Successivamente il rapinatore fuggiva dileguandosi nei vari androni che si intersecano tra gli stabili. Personale di questa Squadra Mobile, che nei giorni scorsi aveva già intrapreso un’attività investigativa in merito ad un altro episodio avvenuto con le medesime modalità nello stesso quartiere, interveniva sul posto al fine di raccogliere, nell’immediatezza, ogni elemento utile al rintraccio del malvivente.

Sulla scorta della testimonianza della vittima, gli investigatori effettuavano un primo sopralluogo nello stabile indicato ove notavano un individuo che, dalla descrizione fornita poteva identificarsi come la persona ricercata. Il sospettato risultava essere domiciliato all’interno di un appartamento del medesimo stabile.

Sulla scorta di tali risultanze si procedeva alla perquisizione dell’abitazione del giovane, al fine di rinvenire l’arma utilizzata per il compimento della rapina. La perquisizione dava esito positivo. Infatti all’interno dell’abitazione, veniva rinvenuto un coltello a serramanico ed il marsupio contenente i soldi e l’accendino del ventenne rapinato poco prima.

Alla luce di quanto emerso gli investigatori acquisivano anche ulteriori elementi, a carico di Mattia Romeo, in merito alla rapina, compiuta con modalità simili,la scorsa domenica sera. In quella circostanza, sempre in via Scarpanto, un altro giovane addetto alla consegna delle pizze veniva fermato da tre uomini, i quali sotto la minaccia di un coltello si facevano consegnare il marsupio nel quale erano custoditi circa 150 euro.

Il giovane arrestato ha ammesso le proprie responsabilità in ordine a entrambe le rapine. Proseguono le indagini da parte di questa Squadra Mobile per identificare i complici in concorso della rapina avvenuta domenica 4 marzo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sampierdarena, dà in escandescenze per la strada e ferisce 3 poliziotti

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse nei municipi Ponente e Medio Ponente, allagamenti nella notte e caos viabilità

  • Meteo: fine settimana di maltempo, allerta su tutta la Liguria

  • Incidente al casello, un morto

  • A San Desiderio l'ultimo saluto a Luca

Torna su
GenovaToday è in caricamento