Giallo di Arquata, interrogati figlio e alcuni parenti

Dai rilievi effettuati nella casa non sono emersi segni di effrazione e sul corpo della donna non sono stati trovati segni di violenza

Ancora nessun indagato per la morte di Iginia Fabbri, la pensionata genovese di 71 anni trovata con i polsi legati nella seconda casa di famiglia in borgata Pessino ad Arquata Scrivia. Ieri sono stati interrogati il figlio della donna e la sua compagna, altri parenti e alcuni vicini di casa.

Con il passare delle ore gli inquirenti sono orientati a escludere la pista della rapina. La casa era in vendita e all'interno non c'erano preziosi da rubare. Dai rilievi non sono emersi segni di effrazione e sul corpo della donna non sono stati trovati segni di violenza.

La 71enne è stata trovata dal figlio riversa su una branda all'ingresso in stato di ipotermia, in casa non c'erano luce e gas. L'autopsia, prevista nelle prossime ore, potrebbe fornire maggiori elementi alle indagini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Schianto in via Cadighiara, Luca non ce l'ha fatta: donati gli organi

  • Accensione riscaldamento 2019: quando si azionano i termosifoni a Genova

  • I migliori eventi del weekend a Genova e dintorni: Rolli Days, Giornate FAI, Columbus Day, Notte Bianca dei Bambini, sagre e tanto altro

  • Morta dopo caduta sul bus, chiesto processo per autista e automobilista

  • Staglieno, si rompe un tubo dell'acqua: strada chiusa e traffico in tilt

Torna su
GenovaToday è in caricamento