Traffico d'armi tra Turchia e Libia, sospetti su una nave ormeggiata in porto

La Bana è una nave cargo per il trasporto di veicoli, ma in passato è già stata utilizzata per trasportare mezzi blindati. Attualmente si trova ormeggiata al terminal Messina

La procura di Genova ha aperto un fascicolo d'inchiesta per chiarire i movimenti della nave battente bandiera libanese Bana, attualmente ormeggiata al terminal Messina di Genova. Le indagini sono affidate a direzione distrettuale antimafia, Digos, Capitaneria di porto e polizia di frontiera e sarebbero partite dalle dichiarazioni di un marittimo.

A insospettire gli inquirenti il fatto che la nave sia stata per giorni non rintracciabile tramite i sistemi gps. In pratica potrebbe essere stato spento il sistema che automaticamente invia la posizione della nave. Nei giorni di buio, la Bana potrebbe stata utilizzata per un traffico d'armi tra Turchia e Libia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina è stata sequestrata la scatola nera. Al momento l'unico indagato risulta il comandante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, 51 morti in un giorno. I casi positivi sono 2.329

  • Coronavirus, l'intuizione al Villa Scassi: apparecchiature da sub per testare l'efficacia dei ventilatori

Torna su
GenovaToday è in caricamento