Android salvato da neolaureato di Genova

Lo studente di ingegneria informatica Luca Verderame insieme a due professori ha indivuduato e risolto un baco del sistema operativo Android di Google. Il malware avrebbe bloccato tutti gli smartphones e i tablet

Google deve dire grazie al Dist di Genova. Un team di ricercatori, guidati dal professor Alessandro Armando (Fondazione Bruno Kessler di Trento e coordinatore del laboratorio di intelligenza artificiale del Dist di Genova), dal professor Alessio Merlo (Università Ecampus e Università di Genova) e dal prof Mauro Migliardi (Università di Padova) ha riparato un “baco” nel sistema operativo Android, sviluppato da Google per gli smartphones.

Individuato il problema, il team ha progettato la soluzione successivamente approvata dal Security team di Android e pronta per essere inserita negli aggiornamenti. Grazie a questa soluzione il malware avrebbe saturato le risorse fisiche dei dispositivi bloccando tutti i smartphones e tablet.

Tra i genovesi la lode va a Luca Verderame, neo laureato in ingegneria informatica a Genova, che insieme ai professori Alessio Merlo (E-Campus) e Mauro Migliardi (Università di Padova) ha individuato e risolto il baco.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Costa in festa: tutti i segreti dello scivolo più lungo del mondo

  • Cronaca

    Viaggio al limite: trovati al porto 5 migranti chiusi in un container

  • Cronaca

    Violenta lite fra vicini a Sampierdarena, un arresto

  • Cronaca

    Nei primi sei mesi del 2018, 90 cinghiali uccisi in città

I più letti della settimana

  • Struppa, doppia cinquina al Superenalotto: vincita da 63mila euro

  • Ambulanza bloccata dalle auto in sosta, muore 60enne

  • Weekend a Genova e dintorni: i migliori eventi di questo fine settimana

  • Minaccia di buttarsi dal Ponte Monumentale, salvato

  • Si tuffa e finisce sugli scogli, grave un giovane

  • Rapina all'Ipercoop di Bolzaneto, arrestata coppia

Torna su
GenovaToday è in caricamento