L'appello dei sindaci liguri: «Basta 'tappulli' sulle infrastrutture»

«Anci ha forza sufficiente per fare pressione nei confronti di Roma e dell'Europa per ottenere i finanziamenti adeguati per le infrastrutture che ci mancano». Così il presidente di Anci Liguria, Marco Bucci, nel corso del Consiglio direttivo

«Anche la prossima programmazione europea 2021-2027 non dovrà più servire a 'tappullare' (rattoppare) le emergenze ma dovrà avvalersi delle indicazioni delle comunità locali per risolvere definitivamente i problemi infrastrutturali»: è il coro unanime degli amministratori liguri riuniti oggi al Consiglio direttivo di Anci Liguria.

L'Associazione dei Comuni e delle Province, come annunciato dal presidente Bucci, condurrà un'azione specifica proprio sulle infrastrutture liguri, innalzando l'attenzione soprattutto nella prospettiva della programmazione europea 2021-2017.

«Abbiamo il grosso problema delle infrastrutture nel nostro territorio su cui ogni azione intrapresa, nell'emergenza, sembra non sia mai abbastanza - ha affermato il presidente di Anci Liguria Marco Bucci, sindaco di Genova -. Anci ha forza sufficiente per fare pressione nei confronti di Roma e dell'Europa per ottenere i finanziamenti adeguati per le infrastrutture che ci mancano, e penso al raddoppio della ferrovia, all'Aurelia bis e all'Albenga-Carcare-Predosa nel Ponente, al tunnel della Fontanabuona, alla Gronda, alla Pontremolese nello Spezzino. Abbiamo deciso di intraprendere come Anci Liguria - ha proseguito Bucci - un'azione specifica incisiva, anche con il supporto di Anci nazionale: non possiamo lavorare più sui 'tappulli', rattoppi, ma abbiamo bisogno di fare il salto di qualità perché la Liguria diventi a tutti gli effetti una regione europea, al passo di Danimarca, Germania, Svezia. Per raggiungere questi obiettivi abbiamo bisogno del supporto di tutti i sindaci liguri, perché l'unione fa la forza, l'abbiamo dimostrato con Genova e possiamo farlo con tutta la Liguria».

A tal proposito, l'Ufficio di presidenza e il Consiglio direttivo odierni hanno fatto proprie le richieste pervenute dalle assemblee dei sindaci del Savonese e dell'Imperiese, integrandole nell'azione più vasta che sarà attuata nei prossimi mesi e su cui il sindaco di Imperia Claudio Scajola, delegato dal presidente Bucci, interverrà in seno al Consiglio nazionale dell'Anci il 16 gennaio a Roma.

«C'è una situazione emergenziale straordinaria di un isolamento ormai continuo di un intero territorio che necessita sia di interventi immediati che di medio e lungo periodo - ha affermato il vicepresidente di Anci Liguria Fabio Natta, sindaco di Cesio -. Il problema non è solo ligure ma nazionale perché la regione è anche terra di collegamento con la Francia e si trova sul corridoio mediterraneo Genova Marsiglia. Il fatto che sia difficilmente raggiungibile per deficit infrastrutturali necessita di una serie di interventi tutti importanti e tutti da metter in cantiere, o quantomeno programmare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, Anci Liguria ha presentato la candidatura della città di Genova a ospitare l'assemblea nazionale dell'Anci a novembre. La proposta verrà ribadita in seno al consiglio nazionale dell'Anci il 16 gennaio a Roma, dove verranno definiti gli ultimi ruoli nazionali ancora in sospeso e da cui la Liguria si aspetta massima attenzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Trovato morto sulle alture di Sestri Ponente, lutto per Giuseppe Terramagra

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

Torna su
GenovaToday è in caricamento