Massacrato sul bus perché ritenuto gay: vittima lascia l'ospedale

Migliorano le condizioni del 44enne massacrato di botte il 14 luglio sull'autobus da un branco di sei persone perché ritenuto gay. Intanto continuano le indagini, al vaglio i video che ritraggono gli aggressori

Migliorano le condizioni del barista 44enne massacrato di botte sull'autobus perché ritenuto gay. L'uomo ha lasciato l'ospedale Galliera di Genova questa mattina.

E' stato poi portato in un centro specializzato per la riabilitazione. «Il ferito - spiega il direttore sanitario Giuliano Lo Pinto all'Ansa - è in grado di stare seduto, di alimentarsi e di parlare e ora ha bisogno di un periodo di riabilitazione per riprendersi completamente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto continuano le indagini sul branco che lo ha aggredito. Al vaglio i video che ritraggono le sei persone scese dall'1 nella notte di quel drammatico 14 luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento