22 chili di hashish sotto l'albero di Natale, arrestati due genovesi

Oltre 30.000 dosi di hashish destinate al mercato locale e nascoste sotto l'albero di Natale di un appartamento di Borgoratti dove vivono gli anziani genitori di uno dei due malviventi

Aveva nascosto 22 chili di hascish all'interno dei regali e li aveva poi posizionati sotto l'albero di Natale dei suoi anziani genitori.

I carabinieri della compagnia di San Martino hanno arrestato un ristoratore genovese di 45 anni del centro storico per il reato di detenzione ai fini di spaccio. Con lui in manette e' finito un complice di 26 anni che si è recato presso l’abitazione del 46enne per consegnare lo stupefancente ed ha lasciato un pacco voluminoso sotto l’albero di Natale.

Il blitz dei Carabinieri e' scattato in un'abitazione del quartiere di Borgoratti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abbiamo avuto una segnalazione che abbiamo approfondito -spiega il Comandante dei Carabinieri San Martino, Pierantonio Breda. Gli appostamenti sono partiti circa un mese fa e ieri è scattato il blitz. Quando gli investigatori sono entrati hanno trovato assieme ai regali anche il pacco. Si tratta di 220 panetti da 100 grammi di hashish, potenzialmente circa 30.000 dosi, destinate al mercato locale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento