Piano caldo: attivate misure straordinarie negli ospedali della Liguria

Ecco le misure adottate dalle aziende sanitarie e ospedaliere del territorio

È scattato il Piano caldo elaborato dalla task force di Alisa e sono state messe in campo misure straordinarie, in corrispondenza di temperature elevate associate a valori di umidità medio-alti. 

Alisa, per monitorare la situazione, ha chiesto alle Aziende sanitarie e ospedaliere, le misure adottate, illustrate di seguito nel dettaglio.

Ospedale Policlinico San Martino di Genova

Presso il padiglione ex IST Nord è stata realizzata una centrale frigorifera sulla copertura del corpo centrale e il 5 luglio saranno installati due nuovi gruppi frigoriferi da 800 KW ciascuno in aggiunta a quelli esistenti, per un costo dell'intervento di circa 600mila euro.

Al Padiglione Monoblocco saranno installati due gruppi frigoriferi aggiuntivi, che saranno consegnati a metà della prossima settimana.

- Presso il Padiglione ex IST Sud saranno installati un gruppo frigorifero aggiuntivo a quelli esistenti in copertura, di 1.000 KW noleggiato anch'esso e in arrivo entro la fine della settimana.

- Nei primi giorni della settimana saranno inoltre consegnati rispettivamente 16 + 15 monosplit e 15 "pinguini" che saranno installati in via straordinaria negli ambienti più critici.

- Sono stati chiusi provvisoriamente gli impianti di refrigeramento in alcune aree dell’ospedale non utilizzate e nelle quali non ci sono pazienti e/o operatori per indirizzare tutta la potenza frigorifera disponibile nelle aree di degenza.

- È stata prevista un’ingente scorta di acqua minerale presso il Centro prelievi e il Pronto Soccorso a disposizione dei pazienti e degli operatori.

La Direzione dell’ospedale ringrazia tutti gli operatori che in questi giorni con grande abnegazione si sono adoperati per alleviare i disagi per i pazienti in conseguenza di questa ondata di caldo.

Ospedale Galliera

Qualche criticità legata al caldo viene segnalata nei reparti di degenza dei padiglioni storici (circa 100 posti letto) che, per motivi architettonici, hanno sempre risentito maggiormente delle alte temperature. 
Nei primi giorni della settimana è previsto un potenziamento dell’impianto di condizionamento attraverso l'installazione di circa 20 apparecchiature portatili, cosiddetti “pinguini”.

Asl 1

È stato attivato un monitoraggio giornaliero sui condizionatori e relative condizioni dei reparti. Sono state risolte dalla società che si occupa delle manutenzioni alcune criticità legate al caldo che erano state evidenziate, tra le altre, in alcuni reparti quali la nefrologia e la dialisi di Imperia e l’oncologia di Sanremo.

Asl 2

Negli ultimi giorni è stato risolto un malfunzionamento al sistema di condizionamento all’ospedale Santa Corona con intervento dell'ufficio tecnico.
All’ospedale San Paolo nel primo pomeriggio di ieri, sabato 29 giugno, si è verificata una criticità in sala d’attesa di Pronto Soccorso e triage, risolta con l’intervento tempestivo dell'ufficio tecnico. Analogo problema è stato segnalato venerdì 28 in ginecologia e prontamente risolto.
Nessun impianto di condizionamento di aree critiche o reparti di degenza già serviti ha registrato arresti o guasti e la direzione medica e infermieristica del presidio ospedaliero non hanno ricevuto segnalazioni di altre criticità.

Nei reparti in cui non è ancora presente l'aria condizionata sono presenti ventilatori a soffitto.

È stata potenziata la distribuzione di acqua minerale ai degenti.  
La situazione è vigilata attentamente dagli uffici tecnici, dalla direzione medica dei presidi, dalla direzione delle professioni sanitarie e dalla direzione sanitaria aziendale.

Asl 3

Dal 1 luglio, tornerà in Piazza De Ferrari l’Ambulatorio mobile per fornire a cittadini e turisti informazioni sul caldo, nell’ambito della campagna “Estate sicura”. L’Ambulatorio mobile sarà presente per il periodo estivo nei giorni feriali, dalle ore 15 alle ore 18. Cittadini e turisti potranno trovare un punto ristoro con acqua e sosta climatizzata e richiedere al personale sanitario informazioni e suggerimenti utili su come combattere il caldo.

Non si segnalano particolari criticità legate al caldo.

Asl 4

All’ospedale di Sestri Levante nelle stanze lato ovest della Medicina è stato potenziato l’impianto di condizionamento con l’aggiunta di ventilatori.

Asl 5

All’ospedale Sant'Andrea della Spezia si sono registrati alcuni temporanei disagi all’impianto di condizionamento in Pronto Soccorso e Dialisi: i blocchi parziali sono stati risolti.

All’ospedale San Bartolomeo di Sarzana la sezione donne della Struttura complessa di Medicina sarà trasferita nei nuovi spazi condizionati (al 2° piano) nel corso della prossima settimana, allo stesso modo saranno valutati eventuali interventi per la divisione di Medicina degli uomini.

I reparti non soggetti a condizionamento sono comunque provvisti di un deumidificatore e due ventilatori (stanze quattro letti) o un ventilatore (stanze due letti).

Nessuna particolare criticità da segnalare all’Istituto Giannini Gaslini e nessuna ulteriore misura straordinaria rispetto al Piano caldo previsto.

Angelo Gratarola coordinatore del Diar (Dipartimento interaziendale regionale) Emergenza-Urgenza, rileva che «la maggior parte delle persone giunte per malore nei Pronto Soccorso, in particolare anziani, presentavano i segni di iniziale disidratazione per comportamenti alimentari inappropriati. Per questo raccomandiamo di modificare la dieta privilegiando frutta e verdura fresca e soprattutto di bere acqua a temperatura ambiente o leggermente fresca, anche se non si avverte lo stimolo della sete» conclude.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sampierdarena, dà in escandescenze per la strada e ferisce 3 poliziotti

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse nei municipi Ponente e Medio Ponente, allagamenti nella notte e caos viabilità

  • Incidente al casello, un morto

  • Meteo: fine settimana di maltempo, allerta su tutta la Liguria

  • A San Desiderio l'ultimo saluto a Luca

Torna su
GenovaToday è in caricamento