Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

Un "rimedio della nonna" molto diffuso in Liguria, per quanto non goda di riscontri scientifici ufficiali

Chi è genovese non può non conoscerle questi tradizionali "rimedi della nonna", e li ha provati almeno una volta in vita sua: stiamo parlando dei classici cannelli - o candelotti - di zolfo, antico rimedio popolare ligure per piccoli dolori come torcicollo, o male alla cervicale, provocati dai colpi d'aria.

Si trovano nelle erboristerie e in alcune farmacie in Liguria, e spesso nei mercatini, in apposite bancarelle, e vendono venduti a pochi euro.

Cannelli di zolfo: cosa sono e come si usano?

Si tratta di cilindri di zolfo pressato (riconoscibili anche dal tipico odore), lunghi circa 10 centimetri, larghi più o meno quanto una moneta: un antichissimo rimedio naturale diffuso in Liguria e in alcune zone del Basso Piemonte.

Si utilizzano quando si ha il torcicollo (o anche altri dolori simili) causato dai colpi d'aria: secondo la tradizione, questi cannelli vengono fatti rotolare sulla parte del corpo che fa male. Se il rimedio funziona, dopo un po' lo zolfo dovrebbe iniziare a crepitare fino a spezzarsi in due. Se non si spezza si può riutilizzare ma, sempre secondo la tradizione, una volta che il cannello si spezza difficilmente può essere riutilizzato.

È un rimedio davvero efficace?

Nonostante i candelotti vengano largamente venduti e utilizzati al pari di tanti "rimedi della nonna", la pratica del cannello di zolfo non gode di riscontri scientifici ufficiali.

Infatti non esiste neanche un'unica teoria sul come questi candelotti possano effettivamente giovare al collo: alcuni dicono che in realtà è lo strofinamento e il conseguente massaggio a fare bene; altri sostengono che sia il calore prodotto a giocare; le teorie più accreditate dicono che lo strofinamento assorbirebbe l'elettricità statica presente in caso di dolori o contrazioni, oppure anche l'umidità; e così via, con altre teorie.

In caso di torcicollo o dolori, dunque, è sempre meglio rivolgersi a un medico, anche se a Genova non mancano le testimonianze di chi dice - soprattutto tra gli sportivi - che questi rimedi naturali possono effettivamente portare giovamento ai dolori, e in tanti sono pronti a scommettere sull'efficacia dei candelotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento