Staffetta solidale: dal Piemonte a Certosa per risollevare il quartiere

L'idea è amibziosa: riuscire a portare a Certosa ogni mese un pullman di cittadini dal Piemonte, che possano sostenere le piccole realtà commerciali e artigianali della zona

Una vera e propria "staffetta solidale" per aiutare la Superba e in particolare Certosa e i suoi commercianti, fortemente penalizzati dal crollo del ponte Morandi: è l'idea di Simona Calvi e Monica Marciano, due amiche della Val Borbera, che hanno dato vita al progetto "Uniti per Genova".

Ieri, sabato 19 gennaio, si è svolta la seconda staffetta organizzata dalla Croce Rossa di Serravalle Scrivia, Comune e Consulta per le Pari Opportunità.

Ma in cosa consiste questa particolare iniziativa? L'idea è amibziosa: riuscire a portare a Certosa ogni mese un pullman di cittadini dal Piemonte che - comprando nei negozi in zona - possano sostenere le piccole realtà commerciali e artigianali della zona, fino a quando il ponte non sarà ricostruito e Genova potrà tornare a una situazione di normalità. Non solo Certosa: ai partecipanti viene data anche l'opportunità di visitare la città, con un giro al Porto Antico, prima di rientrare nel tardo pomeriggio. 

La prossima staffetta solidale si terrà sabato 16 febbraio, organizzata dalla Croce Verde Arquatese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

Torna su
GenovaToday è in caricamento