San Fruttuoso di Camogli, ripulita la statua del Cristo degli Abissi

Alessandra Cabella, per la Soprintendenza, è scesa a un profondità di 18 metri insieme con Vigili del fuoco e nuclei sommozzatori per eliminare la patina che si è formata su uno dei simboli dell'amore per il mare

Tutto pronto a San Fruttuoso di Camogli per la tradizionale celebrazione della notte del Cristo degli Abissi, prevista per la serata del sabato 28 luglio. E proprio in vista della cerimonia, la statua è stata sottoposta all’annuale “restyling” ideato e coordinato dagli esperti della Soprintendenza.

L’intervento è stato eseguito martedì pomeriggio, e oltre ad Alessandra Cabella, esperta della Soprintendenza, hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco che hanno messo a disposizione i mezzi tecnici, e i Nuclei Sommozzatori della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, della Polizia di Stato , della Marina Militare e la Guardia Costiera.

«È andato tutto benissimo - ha confermato Cabella, che ha eseguito l’intervento conservativo immergendosi davanti all’abbazia e manovrando l’idropulitrice utilizzata sott’acqua per la manutenzione della statua - Questo passaggio racchiude un valore culturale e un plusvalore simbolico, un patrimonio di devozione e di amore per il mare che accomuna ogni uomo»

Sfruttando la pressione dell’acqua, gli esperti hanno rimosso gli organismi, anche corrosivi, che ricoprono la statua senza toccare direttamente il bronzo, la cui patina è stata devastata da decenni di aggressive e incontrollate ripassate con spazzole di ferro: un intervento delicato che viene eseguito annualmente per conservare al meglio quell che è ormai diventato un simbolo della passione per la subacquea e per il mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La statua del Cristo degli Abissi è stata infatti posta dal celebre subacqueo Duilio Marcante a una profondità di 18 metri nel 1954, un tributo alla memoria di tutte le vite perse in mare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento