A Certosa la messa di Natale: dalle rovine del ponte «una nuova benevolenza»

Il cardinale Angelo Bagnasco ha parlato del grande cuore e della caparbietà dei genovesi che, uniti, stanno provando a reagire alla tragedia del 14 agosto

Si è svolta nella parrocchia di Certosa, questa mattina, la messa di Natale con il cardinale Angelo Bagnasco: un chiaro segno di vicinanza nei confronti del quartiere, pesantemente penalizzato dal crollo del ponte Morandi.

Il cardinale non poteva non parlare della tragedia del 14 agosto, e di come la città abbia reagito con dignità, capacità di resistere e lottare insieme, superando il tipico "riserbo" genovese per mostrare un grande cuore. Dalle rovine del viadotto, infatti, secondo Bagnasco, sembra si sia sprigionata una nuova benevolenza reciproca, un pensare positivo che - pur in mezzo a dolori e disagi - guarda a un futuro di rinascita che non vuole essere troppo lontano.

Potrebbe interessarti

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Pedone investito in via Gramsci, traffico bloccato

Torna su
GenovaToday è in caricamento