Lungomare Canepa, residenti esultano: cambia il progetto

Approvata all'unanimità in consiglio Comunale una mozione che impegna la giunta a rivedere i lavori abbattendo il muro e tutelando la qualità della vita degli abitanti della zona

Vittoria (quantomeno parziale) per i residenti di lungomare Canepa, che dopo una lunga battaglia per ottenere una revisione del progetto di allargamento a 6 corsie che tutelasse maggiormente le abitazioni e la qualità della vita hanno ottenuto l’appoggio del consiglio Comunale.

Nel corso della seduta di martedì (cui hanno partecipato anche i rappresentanti del Comitato di Lungomare Canepa) è stata infatti approvata all’unanimità una mozione con cui l’amministrazione si impegna a rivedere il progetto, di comune accordo con Anas, rinunciando così a un tratto dell’arteria lungo almeno 500 metri per andare incontro alle esigenze dei residenti. Bocciato anche il “muro della discordia”, costruito a pochi centimetri dalle case e a breve demolito

Resta quindi il problema dell’isolamento acustico e la questione sicurezza lungo quella che diventerà di fatto una superstrada, ma l’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Fanghella,  ha ipotizzato l’utilizzo di barriere di bambù in sostituzione del muro. I dettagli del nuovo progetto verranno comunque stabiliti dopo un nuovo incontro tra giunta e cittadini, che porteranno i loro suggerimenti.

«In attesa di ricevere a breve ulteriori ragguagli circa la natura e l'entità della variante di progetto, allo stato risultano disattese le richieste relative ad una reale fascia di rispetto corrente lungo tutto il confine tra la strada e l'abitato per mitigare totalmente l'impatto di una tangenziale in sede residenziale - è stato il commento di Silvia Giardella, presidente del Comitato Lungomare Canepa - Risulta posticipato a data da destinarsi ogni dispositivo di protezione dall'inquinamento acustico ed atmosferico.

Ci risulta ancora indefinito il reale posizionamento di tre varchi tra la nuova strada e l'abitato di Sampierdarena. Così stando le cose non possiamo dirci soddisfatti della variante di progetto, in quanto sostanzialmente tesa al solo abbattimento del famigerato muro. La variante proposta è di fatto a costo zero ma Sampierdarena pagherà invece un conto salato in termini di salute, vivibilità e patrimonio. Contrariamente alle nostre aspettative la variante non è stata condivisa con il territorio e verificheremo nel prossimo incontro se esistono o meno margini di avvicinamento alle richieste di migliaia di cittadini e presenteremo ufficialmente un rendering redatto dal nostro professionista».

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

I più letti della settimana

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

Torna su
GenovaToday è in caricamento