Apre in centro storico la "lavanderia di Papa Francesco"

Lo spazio è stato aperto nei locali in piazza Durazzo, tra via Balbi e via Pré, ed è gestito dalla Comunità di Sant'Egidio: lavatrici, asciugatrici e docce per i più poveri e i senzatetto

Entrano in funzione a partire da oggi, venerdì 25 ottobre, la “lavanderia e il servizio docce di Papa Francesco”, un’iniziativa solidale dedicata a fornire ai più poveri e ai senza fissa dimora uno spazio in cui lavare, asciugare e stirare i propri indumenti e occuparsi dell'igiene personale.

Lo spazio è stato aperto nei locali in piazza Durazzo 12, tra via Balbi e via Pré, ed è gestito dalla Comunità di Sant'Egidio Liguria. Un’iniziativa nata dall'invito di Papa Francesco dare «concretezza all'esperienza di grazia dell'Anno Giubilare della Misericordia - ha spiegato Konrad Krajewski, elemosiniere del Papa - un luogo e un servizio per dare forma concreta alla carità e al tempo stesso intelligenza alle opere di misericordia per restituire dignità a tante persone che sono nostri fratelli e sorelle, chiamati con noi a costruire una "città affidabile”».

La lavanderia e il servizio docce saranno gestiti dalla Comunità di Sant'Egidio Liguria insieme agli altri servizi di accoglienza e assistenza delle persone più povere. Nei locali adibiti appositamente a questo servizio saranno presenti detersivi, ammorbidenti e detergenti per la persona, e lavatrici, asciugatrici e ferri da stiro messi a disposizione da aziende che già nel 2017 hanno contribuito all'apertura della "Lavanderia di Papa Francesco" a Roma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Scuole superiori: le migliori di Genova secondo la Fondazione Agnelli

Torna su
GenovaToday è in caricamento