Torna l'insegnamento del dialetto nelle scuole della Liguria

Storia e tradizioni della nostra regione in classe per il terzo anno consecutivo

Torna per il terzo anno consecutivo l’insegnamento del dialetto nelle scuole liguri. La Giunta regionale, su proposta della vicepresidente e assessore alle Politiche sociali Sonia Viale, ha approvato nuovo bando per l’anno scolastico 2018-2019, con un finanziamento di 20mila euro. Al bando possono partecipare le associazioni iscritte al registro regionale del terzo settore, anche riunite in associazioni temporanee di scopo. «L’iniziativa – spiega la vicepresidente Viale – ha lo scopo di favorire l’invecchiamento attivo delle persone anziane, promuovendo forme di scambio intergenerazionale. Mantenere viva la conoscenza del nostro dialetto – prosegue - significa rinnovare la consapevolezza delle nostre radici e tradizioni. Per questo è importante coinvolgere le nuove generazioni che, grazie all’insegnamento del dialetto a scuola, hanno l’opportunità di conoscere la nostra storia. Si tratta di occasioni preziose di incontro sia per i più giovani sia per i meno giovani, a cui viene affidato un ruolo importante dal punto di vista educativo all’interno delle nostre comunità».

La Giunta ha quindi approvato l’avviso pubblico per l’erogazione dei contributi ad associazioni di tutela e valorizzazione delle tradizioni liguri finalizzato alla realizzazione di corsi di dialetto ligure in collaborazione con le scuole del territorio. Le domande devono essere presentate entro 20 giorni dalla pubblicazione dell’avviso sul sito internet di Regione Liguria.

«Grazie all’impegno degli insegnanti, tutti over 65enni, il bando dello scorso anno – ha concluso la vicepresidente Viale – ha ottenuto un’ottima risposta, con un incremento delle scuole interessate e, quindi, anche dei bambini e ragazzi coinvolti».

In particolare, nell’anno scolastico 2017-2018 l’associazione capofila “A Compagna”, anche attraverso il coinvolgimento dell’associazione “O Leudo” di Sestri Levante, ha realizzato attività di insegnamento del genovese in 55 scuole (erano state 48 nell’anno scolastico precedente), coinvolgendo complessivamente 3.498 alunni (a fronte degli 2.710 alunni dell’anno precedente) tra i 4 e i 10 anni di 164 classi o sezioni. In particolare, a Genova hanno preso parte al progetto 66 classi di scuole primarie (1.312 alunni tra i 6 e i 10 anni) e 71 sezioni di scuole dell’infanzia (1.710 alunni tra i 4 e i 6 anni) mentre nel Levante sono state coinvolte 27 classi di scuole primarie (476 alunni tra gli 8 e i 10 anni). Il progetto è stato realizzato grazie al prezioso lavoro di 84 “nonni” insegnanti volontari. I Comuni coinvolti sono stati: Genova, Sestri Levante, Casarza Ligure, Rapallo, Santa Margherita Ligure, San Lorenzo della Costa, Uscio, Zoagli e la Val Fontanabuona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

  • Lutto all'Acquario di Genova, morto il delfino Teide

Torna su
GenovaToday è in caricamento