Via Sestri, arriva il presidio fisso contro gli assembramenti

L'assessorato alla Legalità ha chiesto alla Locale di controllare ogni giorno la strada dopo le polemiche sulla presenza di persone

Arriva il presidio fisso della polizia Locale in via Sestri dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’eccessiva presenza di persone in strada nelle settimane di emergenza sanitaria legata all’epidemia di coronavirus.

L’assessorato alla Sicurezza di Stefano Garassino ha chiesto alla Locale di aggiungere ai normali pattugliamenti già in atto un presidio fisso con una seconda pattuglia in appoggio nelle ore di maggiore movimento delle persone nella strada, dove sono aperti tanti negozi autorizzati. 

«Voglio lanciare un appello ai cittadini genovesi - ha detto Garassino - Fermare l'epidemia deve essere il nostro primo pensiero, la prima necessità della nostra collettività. Preghiamo i genovesi di non fare la spesa nelle ore ‘canoniche’, ma di scegliere orari differenziati. Preghiamo anche di evitare di fare acquisti giornalieri, ma di fare, invece, scorte che possano bastare per diversi giorni per limitare le uscite da casa al minimo indispensabile. Inoltre ricordiamo che per anziani e disabili esiste la possibilità di chiedere la consegna a domicilio grazie alla Protezione Civile comunale al numero 010.5574262, attivo dalle 9 alle 17».

VIDEO | Sestri Ponente, vigili col megafono: «Niente assembramenti»

La richiesta è di non concentrarsi nei supermercati durante gli orari di maggiore affluenza “tradizionale” era arrivato anche dal sindaco Marco Bucci: «Alcune aree della città registrano ancora smembramenti, come per esempio quella di Sestri, dove l’assembramento è nelle prime ore del mattino, quando le persone fanno la spesa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci sono molti negozi aperti in via Sestri - ha aggiunto il sindaco - e ovviamente le persone escono per fare la spesa e acquistare i generi di prima necessità. Abbiamo notato, però, che gli assembramenti ci sono nelle prime ore della mattina, poi dalle 11 alle 18 non c’è nessuno in giro. Invito quindi i cittadini a non concentrarsi tutti nelle stesse ore ma a distribuirsi nell’arco della giornata. Avremo per questo pattuglie di polizia Locale e Protezione Civile che cercheranno di sensibilizzare la popolazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

  • Festa in casa tra ragazzi, per sfuggire al controllo minorenne rischia di precipitare dal balcone

Torna su
GenovaToday è in caricamento