Pasqua solidale, associazioni e negozi si organizzano per vendere online le uova benefiche

Niente uova benefiche in piazza De Ferrari, nessuna possibilità di donare nei pressi dei centri commerciali e nelle principali strade di Genova, e dunque c'è chi si organizza per vendere le proprie uova di Pasqua sul web

La Pasqua ai tempi del coronavirus è a distanza, e molte associazioni e negozi che sostengono la ricerca scientifica o le fasce più deboli della popolazione sono costrette a sospendere le proprie campagne di solidarietà.

Niente uova benefiche in piazza De Ferrari, nessuna possibilità di donare nei pressi dei centri commerciali e nelle principali strade di Genova, e dunque c'è chi si organizza per spostare l'attività online e vendere le proprie uova di Pasqua sul web. Un modo per cercare di arginare in parte le ingenti perdite che la sospensione delle campagne pasquali comporta per le associazioni.

Così tutti coloro che vorranno potranno farsi recapitare a casa il dolce della tradizione donando per combattere contro determinate malattie o per aiutare i più bisognosi. Ecco qualche esempio.

L'Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma (tumore cerebrale pediatrico), che ha la sede legale presso l'ospedale Gaslini di Genova, vende le proprie uova di cioccolato con sorpresa sul suo sito web, e la consegna avviene a domicilio rispettando tutte le norme di sicurezza: 6 uova danno diritto alla spedizione gratuita.

Anche AIL non potrà essere in piazza come da tradizione nelle giornate del 27, 28 e 29 marzo: in questo momento l'associazione ha messo in campo iniziative straordinarie per continuare a sostenere i malati di leucemia, in una situazione difficile in quanto immunodepressi, e chiede l'aiuto delle persone a sostenere i suoi progetti.

La Bottega Solidale Altrmercato presente al Porto Antico e in via Galata invita i clienti a ordinare i suoi prodotti di Pasqua attraverso il suo sito internet, con consegna a domicilio: «Abbiamo in magazzino grandi quantità di prodotti pasquali. Purtroppo però, trattandosi di prodotti alimentari, se rimanessero invenduti a causa dell'emergenza, questi prodotti finirebbero tra i rifiuti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diverso il caso di Lidl che nei suoi supermercati propone l'uovo solidale Deluxe che sostiene L'Albero della Vita che dal 1997 protegge bambini in difficoltà. Uno dei programmi che saranno finanziati è presente a Genova e si chiama "Varcare la soglia", per aiutare le famiglie più bisognose del capoluogo ligure.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento