Centro storico, il ritorno della movida tra steward e mascherine

Venerdì 22 maggio il "battesimo di fuoco" dopo una chiusura di due mesi: ragazzi e ragazze sono tornati nei vicoli in un clima tutto sommato sereno, sotto gli occhi attenti degli steward e delle forze dell'ordine

È stato più tranquillo del previsto il ritorno della movida nel centro storico di Genova. Venerdì 22 maggio 2020 il "battesimo di fuoco" dopo una chiusura di oltre due mesi: ragazzi e ragazze sono tornati nei vicoli in un clima tutto sommato sereno, sotto gli occhi attenti degli steward e delle forze dell'ordine.

Il tour di Genova Today è partito da via San Lorenzo ed è terminato a Sottoripa, passando per piazza delle Erbe, via San Bernardo e via San Donato. Movida ordinata, come detto, con tanti ragazzi fuori dai locali, la maggior parte dei quali con la mascherina. I pochi senza l'avevano tendenzialmente appesa al collo perché stavano consumando una bevanda o fumando una sigaretta. 

Ordinatissima piazza delle Erbe con gli Steward in pettorina arancione, assolutamente riconoscibili, a controllare il rispetto delle distanze di sicurezza; qualche assembramento in più invece nei vicoli più interni di piccole dimensioni. Nel complesso, comunque, situazione sotto controllo e meno affollamento rispetto agli ultimi venerdì prima del lockdown. 

Anche il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti si è recato nel centro storico per osservare la situazione: «Ripartire e divertirsi in sicurezza si deve e si può - ha commentato -. Controlli capillari a Genova per il primo weekend post lockdown. I locali del centro storico, che danno lavoro a tantissime famiglie, si sono organizzati egregiamente, anche con steward, per controllare le distanze, ed erano presenti squadre di polizia e di agenti della municipale per evitare che si creassero disordini o assembramenti che infatti non si sono verificati. Grazie a chi ha usato buon senso, alle forze dell’ordine e in bocca al lupo ai commercianti, ai ristoratori e a tutti i locali della Liguria che devono tornare a vivere. Sono venuto personalmente a salutarli e li ringrazio per il grande entusiasmo che hanno, nonostante le difficoltà. Mi auguro di vedere in tutta la Liguria il rispetto delle regole, con grande attenzione e con amministratori e divise tra la gente, al fine di garantire la massima sicurezza. Non bisogna mai abbassare la guardia, quindi ricordatevi: distanza, ordine e mascherine sempre. Non possiamo permetterci di tornare al punto di partenza: il nostro futuro dipende da noi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Lutto all'Acquario di Genova, morto il delfino Teide

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento