Gaslini, l'anonima (e profumata) donazione: decine di mazzi di fiori alle infermiere

Il carico è stato recapitato all'ospedale pediatrico mercoledì pomeriggio, un modo per ringraziare il personale sanitario che continua ad assistere i più piccoli

Li hanno recapitati in ospedale all’improvviso, senza biglietto e senza firma, un modo per rendere omaggio a chi ogni giorno assiste i più fragili e indifesi, i bambini: decine di mazzi di fiori per le infermiere del Gaslini, l’ospedale genovese che si occupa dei più piccoli e che in questi giorni di lotta al coronavirus mantiene la guardia alta pur non dovendosi occupare - fortunatamente - di molti casi.

«Un donatore anonimo ha deciso di regalare un momento di profumata bellezza alle nostre meravigliose infermiere per incoraggiarle nel loro difficile lavoro quotidiano a favore dei piccoli pazienti del Gaslini», fanno sapere dall’Istituto Giannina Gaslini, immortalando le colorate e profumate composizione arrivate mercoledì pomeriggio.

«Non sappiamo chi sia, i fiori sono arrivati senza mittente», confermano dalla direzione del Gaslini, che ha subito accolto l’invito e distribuito i fiori alle infermiere. A oggi l’ospedale pediatrico ha in cura un solo caso di coronavirus, un bimbo trasferito dalla Asl 4 che è in buone condizioni di salute. Un altro bimbo accompagnato martedì è stato dimesso: lievissimi i sintomi, che consentivano il decorso a casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale sanitario sta però, ovviamente, continuando ad assistere i pazienti già ricoverati, mantenendo la guardia altissima soprattutto alla luce dell'emergenza legata al coronavirus. E proprio in questi giorni di difficoltà, ha adottato una serie di provvedimenti specifici: oltre a dividere i percorsi per chi accede, ha avviato anche un progetto di sostegno a distanza con sportelli dedicati disponibili telefonicamente o via mail diversificati a seconda che si tratti di bambini, famiglie o operatori sanitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento