Acquisto online di vino e birra, Genova seconda città d'Italia

I genovesi sono tra i più attivi in Italia nell'acquisto online di bevande alcoliche: sul podio anche i savonesi

I genovesi sono tra i più attivi in Italia nell'acquisto online di bevande alcoliche, soprattutto vino e birra. Lo rivela una ricerca effettuata da una piattaforma per la spesa online, che ha stilato una classifica delle città italiane in cui Genova si piazza sul secondo gradino del podio, seconda solo a Como. Podio completato da un'altra città ligure, Savona, a confermare un trend regionale.

Nella provincia di Genova, sempre secondo questi dati, la spesa online è un’abitudine ben consolidata, ma il secondo posto (relativo ai dati del mese di febbraio) è una novità per la nostra città. I genovesi, come detto, sono secondi solo ai comaschi in tutta Italia per l'acquisto di vino e birra, con una percentuale dell’6% della spesa totale in questa categoria nel nostro Paese; li seguono, sul podio, i cittadini di Savona con il 5%. In particolare, i prodotti più acquistati in assoluto sono stati i vini, seguiti dalle birre e, poi, dai superalcolici e dalle bevande per gli aperitivi. Nella top ten anche Mantova, Verona, Modena, Pesaro Urbino, Torino, Monza Brianza e Varese (fonte: "Supermercato24").

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

I più letti della settimana

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Pomeriggio a base di ketamina per due ventenni

  • Bastonate al cane, smettono per le urla dei residenti

Torna su
GenovaToday è in caricamento