Il sindaco Bucci inaugura il nuovo percorso ginnico fra le bellezze di Genova

Il percorso urbano è indicato da borchie destinato sia a chi corre, sia a chi vuole camminare all'interno della città, scoprendone aspetti spesso ignorati e svolgendo attività fisica

Questa mattina il sindaco Marco Bucci ha inaugurato Wonderful Walking Genova, la camminata che si snoda lungo i tre tratti mura delle Cappuccine-piazza Corvetto, piazza Corvetto-Villa Gruber per poi arrivare fino a castello d'Albertis.

«Una splendida giornata per inaugurare la Wonderful Walking Genova una passeggiata che permetterà di scoprire Genova da una nuova prospettiva», il commento del Primo cittadino.

Il percorso urbano è indicato da borchie destinato sia a chi corre, sia a chi vuole camminare all'interno della città, scoprendone aspetti spesso ignorati e svolgendo attività fisica. Per i runner sono proposte alcune “stazioni” dotate di totem: utilizzando un QRcode si potrà visualizzare un breve filmato con una serie di esercizi fisici di riscaldamento e/o di distensione e di attività aerobica. I percorsi si articolano anche salendo e scendendo sulle rampe di alcune famose scalinate cittadine, composte ciascuna da circa venti gradini.

Si tratta di un allenamento prevalentemente pliometrico (la pliometria è "un movimento caratterizzato dalla successione di una contrazione concentrica a una eccentrica che possa costituire uno strumento di grande utilità nello sviluppo di alcune capacità motorie-condizionali basilari e composite") che va a stimolare la potenza aerobica e a migliorare il VO2 max (indica in millilitri il massimo volume di ossigeno consumato per minuto per chilogrammo di peso e definisce il livello cardiorespiratorio e aerobico personale) incidendo anche sull'aumento del metabolismo basale.

Sono stati individuati tre percorsi di allenamento: verde (easy), giallo (medium), rosso (hard), differenti per complessità tecnica e carico di lavoro. Ovviamente i tre percorsi possono essere anche scelti come semplice camminata a ritmo più o meno sostenuto.

Dal punto di vista storico culturale il percorso è di forte impatto paesaggistico e offre una serie di strepitose viste sulla città. Si tratta di un viaggio nella Genova ottocentesca, con alcune importanti digressioni nella città dei secoli precedenti e successivi. Grazie a questo percorso è possibile scoprire l'affascinante urbanizzazione ottocentesca della collina di Carignano fino alla circonvallazione a monte (realizzata sempre a fine '800) con punto di arrivo (o di partenza alternativa) nel Castello D’Albertis, fatto costruire dal capitano Enrico D’Albertis dal 1866 sulla collina di Montegalletto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le digressioni storiche riguardano: le mura trecentesche e le antiche porte della città, la scalinata delle Tre Caravelle con la piazza della Vittoria (realizzate negli anni Trenta del Novecento), le chiese e gli altri edifici religiosi che si incontrano lungo il percorso. Quest'ultimo è anche un’occasione per scoprire come queste importanti opere storiche siano state  “riutilizzate” (come le mura) o inglobate - in qualche caso “salvate” -  nella grande ristrutturazione ottocentesca di Genova, come nel caso dell'Acquasola, notevolmente modificata per tutto quel secolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

Torna su
GenovaToday è in caricamento